skip to Main Content

Incontri con le voci dell’archeologia: Strade di acqua. Mobilità e risorse nell’Albegna in epoca etrusca

Venerdì 23 Febbraio alle ore 16 presso l’Aula Magna della Fondazione Polo Universitario Grossetano in via Ginori, 43 l’archeologa Sara Rojo Munoz terrà la conferenza “Strade di acqua. Mobilità e risorse nell’Albegna in epoca etrusca”, che fa parte del progetto “Incontri con le voci dell’archeologia”, nato dalla collaborazione tra la Fondazione Polo Universitario Grossetano, il Dipartimento di Scienze Storiche e dei Beni Culturali dell’Università di Siena e l’Associazione Archeologica Maremmana allo scopo di divulgare i risultati delle ricerche svolte sul territorio.

Sara Rojo comincia i suoi studi sul mondo antico a Madrid, nelle università Autónoma e Complutense. Nel 2017 si trasferisce a Siena dove ha studiato la Laurea Magistrale in Archeologia, con una specializzazione in etruscologia; attualmente sta finendo il dottorato nel programma regionale toscano PEGASO con una ricerca sulla produzione di vino e sulla esportazione dello stesso della Valle dell’Albegna mediante le anfore da trasporto locali.

La dottoressa Rojo anticipa così il tema che tratterà alla Fondazione Polo Universitario Grossetano: “La Valle dell’Albegna costituiva in epoca etrusca il limite settentrionale che chiudeva il territorio di Vulci; la sorgente del fiume si trova sul Monte Labbro, appartenente al sistema del Monte Amiata, e scorre perpendicolarmente alla costa del Mar Tirreno, dove si estende un’ampia pianura. È per questa sua forma che la Valle è diventata un luogo di divisione (tra Vulci e Roselle, così come in generale tra l’Etruria meridionale e settentrionale) e di comunicazione (all’interno della Valle e tra l’Etruria interna e il mare).
L’acqua, che è l’elemento che ha creato questo sistema geografico, è anche una grande protagonista nella creazione di percorsi, grazie alla lunghezza del fiume e al suo orientamento, nonché alle vie minori aperte dai flussi affluenti. Grazie al suo sbocco sul mare, è anche responsabile dei contatti con altri popoli nella Valle stessa, così come nei porti stranieri; tuttavia ci sono difficoltà nell’identificare quando queste vie venivano utilizzate poiché mancano sufficienti tracce di questi percorsi. Gli itinerari sono meglio conosciuti grazie resti delle strade romane Aurelia e Clodia che seguivano, almeno in parte, quelle più antiche; alcune di esse perdurarono anche nel medievo.
Durante l’intervento si parlerà delle vie di comunicazione terrestri e fluviali della valle e della loro interazione con altri elementi come le attività rurali e le risorse naturali per l’alimentazione e per la produzione, che potevano venir sfruttate prima della conquista romana del territorio. Metteremo inoltre in relazione le strade interne con la loro uscita sul mare e le possibilità che il sistema offriva alle antiche società locali.”

La partecipazione è libera e gratuita

Back To Top

La Fondazione Polo Universitario Grossetano informa gli interessati della pubblicazione di un nuovo avviso aggiornato riguardante incarichi di collaborazione nei vari progetti della Fondazione.

1. Aggiornamento avviso pubblico per la costituzione di un elenco ristretto (short list) per l’affidamento di incarichi di collaborazione in materia di supporto alla organizzazione candidature progettuali e gestione amministrativa dei progetti

Vi invitiamo a visitare la pagina degli Avvisi e Bandi per scaricare i documenti e prendere visione delle opportunità disponibili.

Grazie per l’attenzione e per la vostra eventuale partecipazione.

Avvisi e Bandi

Questo si chiuderà in 0 secondi